• Home
  • Meglio Legale si unisce all’European Cannabis Advocacy Network

Meglio Legale si unisce all’European Cannabis Advocacy Network

9 Febbraio 2021 Giovanni Brajato Comments Off

È un piacere annunciare che Meglio Legale è ufficialmente entrata a far parte dell’European Cannabis Advocacy Network (ECAN). 

ECAN è una piattaforma di comunicazione che unisce le organizzazioni di advocacy in Europa che si interessano alla riforma della cannabis. Lo scopo principale di questa rete è condividere i progressi, distribuire aggiornamenti pertinenti e aumentare lo slancio per la riforma della cannabis in tutta Europa. 

È importante armonizzare la comunicazione tra i sostenitori, poiché i singoli paesi europei si trovano in fasi diverse per la conquista di una riforma della cannabis. Questa rete è appunto un mezzo per imparare gli uni dagli altri sui successi e sugli ostacoli che si affrontano quotidianamente. L’ECAN è un modo per i membri di condividere la strategia, sostenersi a vicenda e discutere gli avanzamenti di ogni riforma. 

In quanto rete di comunicazione, ECAN è un mezzo per condividere rapidamente e facilmente notizie rilevanti e offre ai propri membri l’opportunità di lavorare in modo collaborativo per un unico scopo. 

La rete è gestita da Volteface, l’organizzazione di advocacy con sede nel Regno Unito che ha collaborato con il governo britannico nel 2018 per legalizzare la cannabis medica. 

Finora, l’ECAN ha una rappresentanza da una serie di paesi europei, tra cui: Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Meglio Legale è entrata a far parte del network come rappresentante dall’Italia. Il ruolo di Meglio Legale sarà di mantenere ECAN aggiornato con gli sviluppi della cannabis in Italia e collaborare con i suoi membri per condividere le iniziative e campagne sul territorio. 

Essendo una rete di nuova costituzione lanciata alla fine del 2020, ECAN sta cercando di continuare ad espandersi in tutta Europa. Nei prossimi mesi, le opportunità di collaborazione includeranno webinar pubblici per discutere sia i progressi attuali, gli ostacoli e come affrontare efficacemente il dibattito sulla riforma della cannabis in tutta Europa.