Enecta

Intervista ad Enecta – l’azienda amica di Meglio Legale

Cosa trovi in questo articolo

Come molti di voi sapranno l’associazione Meglio Legale realizza le sue attività auto-finanziandosi al 100%. Tutte le iniziative che svolgiamo sono sostenute da persone e/o aziende che decidono di combattere al nostro fianco per la legalizzazione della cannabis. A noi piace chiamarli “gli eroi dell’antiproibizionismo”, coloro che ci danno la forza per scendere in campo e portare la cannabis in palazzi del potere, fare informazione e diffondere la cultura dell’antiproibizionismo..

Vogliamo dedicare uno spazio nel nostro blog ad Enecta, un’azienda che durante il 2022 ha permesso a Meglio Legale di realizzare molte delle sue attività (cominciando dal Podcast Tutto Fumo)

Ci piace sempre ricordare che dietro a queste aziende, che sostengono la causa della legalizzazione e della lotta al proibizionismo, ci sono personeCoraggiose, capaci, con una mente innovativa e volenterose di cambiare le cose

Per questo abbiamo deciso di intervistare i due fondatori di Enecta: Jacopo e Marco. Abbiamo fatto loro qualche domanda relativa alla cannabis e alla legalizzazione. 

Intervista ai fondatori di Enecta [Jacopo Paolini e Marco Cappiello]

Jacopo Paolini e Marco Cappiello sono i fondatori di Enecta. 7 anni fa, grazie al loro spirito imprenditoriale, hanno avuto l’idea di dar vita ad una delle aziende leader in Italia nel settore dei prodotti a base di cannabis, nello specifico al CBD.

Jacopo e Marco, pensate che un’azienda come Enecta possa influenzare in un qualche modo l’opinione pubblica riguardo alla cannabis?

Jacopo:

Si lo credo. In questi anni abbiamo visto cambiare l’opinione di amici, familiari, persone vicine e persone lontane. Lavorando duramente e onestamente, mostrandoci disponibili a spiegare quello che facciamo in massima trasparenza, abbiamo raggiunto tanti risultati. Il compito davvero difficile sarà “influenzare” l’opinione delle Autorità ma siamo qui e non molliamo.

Marco:

Sì, ed in parte credo già che questo ruolo, nel nostro piccolo, lo esercitiamo. Dedichiamo un grande spazio alla comunicazione intesa come informazione, riuscendo ad offrire agli utenti uno spaccato molto ampio del mondo cannabis. Chi approda sui nostri canali social o sui nostri portali web non trova solo un prodotto, ma può visionare progetti di carattere sociale, iniziative in partnership con Enti di formazione, l’informazione scientifica fino alle attività sportive. Cerchiamo di svolgere, nell’ambito pubblico, un ruolo positivo e proattivo.

Perché secondo voi la cannabis dovrebbe essere legale?

Jacopo:

Prima che legale, la cannabis deve essere spiegata e compresa. Legalizzare senza passare da un periodo di regolarizzazione per i produttori/venditori e formazione per gli utilizzatori non avrebbe i risultati che tutti speriamo, cioè aiutare le persone a migliorare la qualità della propria vita, oltre a generare incassi di molti zeri per lo Stato tramite le tasse)

Marco:

In Italia sul tema cannabis c’è troppo spesso un approccio ideologico, noi invece auspichiamo un approccio laico. La cannabis oggi rappresenta una grande opportunità per l’economia, l’ambiente e la salute delle persone. Non so se sia meglio adottare il progetto di legalizzazione ad esempio adottato dal Canada rispetto a quello adottato da altri Paesi. Sappiamo che la Germania sta lavorando verso un processo di legalizzazione e penso che l’intera Europa, Italia compresa, possa auspicare un futuro in cui la cannabis sia sempre maggiormente regolamentata e valorizzata.

Perché avete scelto di supportare Meglio Legale?

Jacopo:

Abbiamo deciso di supportare Meglio Legale perché è una realtà che come noi ci mette la faccia. E lo fa in Italia, unico paese in Europa che ancora vede la Cannabis come una minaccia invece che un’opportunità. La Cannabis non è solo Bob Marley, per il quale nutro un rispetto immenso, ma è anche e soprattutto Antonella, Marco, Roberta, Goffredo, Mabel, Carlo, Alyona, Pinar, etc. Più ci faremo conoscere, maggiormente veloce sarà il cambiamento.

Marco:

Meglio Legale in Italia svolge un ruolo molto importante, in termini di informazione, attivismo ed impegno civile quotidiano. Collaboriamo insieme da qualche mese, abbiamo realizzato un podcast ‘Tutto Fumo’, oggi su Spotify Italia è uno dei contenuti più ascoltati ma non solo. Abbiamo scelto di supportare ML perché condividiamo lo stesso principio: informare quotidianamente, far conoscere all’opinione pubblica le potenzialità della cannabis, spogliandola dai pregiudizi, ahimè datati, che ancora esistono e resistono in Italia.

Enecta e il prezzo etico

Prezzo Enecta

Enecta possiede una filiera corta, che gestisce internamente dalla semina fino alla distribuzione, come pochissime aziende fanno in Europa.

Hanno lavorato per oltre cinque anni per creare delle genetiche proprietarie ad alto contenuto di CBD e CBG pensate specificatamente per il mercato estrattivo. Enectaliana ed Enectarol, le nostre genetiche proprietarie, sono iscritte nel Registro Europeo delle sementi. Enecta estrae i cannabinoidi per i loro prodotti dalle loro genetiche di cannabis. Questo permette di ottimizzare i costi ed essere certi della qualità della materia prima.

L’agricoltura è biologica e favorisce l’ equilibrio naturale dei terreni e permette di abbattere tutti i costi relativi a fertilizzanti chimici o pesticidi.  

Un’azienda che crede nel prezzo finale, nella qualità dei loro prodotti e nella fiducia che i loro clienti pongono in loro.

Scopri Enecta, l’azienda amica di Meglio Legale

Enecta propone una vastissima gamma di prodotti a base di CBD: dall’olio ai cosmetici passando anche per i cristalli al CBD.  Tutti prodotti di ottima qualità (e soprattutto, veri prodotti antiproibizionisti! 🙂)

Potete visitare il loro sito andando qui → https://www.enecta.it/

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
In tema

Articoli che potrebbero interessarti

gratteri cannabis

Gratteri e le Fake News sulla cannabis

Ogni volta che qualcuno vuole difendere le sue posizioni proibizioniste contro la legalizzazione della cannabis fa appello agli argomenti del magistrato calabrese Nicola Gratteri. Peccato