Charlotte cannabis medica

Grazie Charlotte

Cosa trovi in questo articolo

Charlotte aveva solo 13 anni ed è morta a causa del Coronavirus. Ma il suo volto resterà nella storia della #legalizzazione della #cannabismedica.

Era il 2013 quando i suoi genitori scelsero di provare la Cannabis, come rimedio alla sua sindrome di Dravet, dopo che tutti i trattamenti si erano rivelati fallimentari. Il Colorado, per fortuna, già dal 2000 prevede l’uso di cannabis medica per alleviare spasmi, convulsioni e crisi epilettiche.

I risultati sulla piccola Charlotte furono talmente immediati e positivi che la sua storia spinse molte famiglie di altri stati a trasferirsi in Colorado tanto che la stampa americana li ribattezzò “marijuana refugees”.
Da allora è nato un movimento mondiale che chiede la piena legalizzazione della Cannabis medica e la storia di Charlotte è diventata la storia di milioni di altre persone.

“Il tuo lavoro è finito Charlotte, il mondo è cambiato e ora puoi riposare sapendo che lasci un mondo migliore”, ha scritto la fondazione The Realm of Caring.

Grazie davvero Charlotte. Ci stringiamo al dolore della tua famiglia.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
In tema

Articoli che potrebbero interessarti

Cannabis in Europa: info e numeri

L’ultima edizione dell’European Drug Report, report annuale redatto dall’Emcdda, offre una esaustiva panoramica circa la situazione corrente della Cannabis in Europa.I numeri si riferiscono al

Un Giorno Legale

L’evento è gratuito ma è necessario registrarsi cliccando sul seguente link:https://bit.ly/un-giorno-legale Programma 20 aprile 2024Un Giorno LegaleRoma (Acquario Romano, piazza Manfredo Fanti 47) Programma MATTINA

gratteri cannabis

Gratteri e le Fake News sulla cannabis

Ogni volta che qualcuno vuole difendere le sue posizioni proibizioniste contro la legalizzazione della cannabis fa appello agli argomenti del magistrato calabrese Nicola Gratteri. Peccato