• Home
  • Ora è importante decriminalizzare la coltivazione domestica

Ora è importante decriminalizzare la coltivazione domestica

17 Marzo 2021 Giovanni Brajato Comments Off

È stato lanciato questa mattina sul sito iocoltivo.eu l’appello al Presidente Mario Perantoni e a tutti i membri della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati per chiedere che sia tenuto in considerazione, in vista delle proposte di legge di modifica dell’articolo 73 del Testo unico stupefacenti, il tema dell’autocoltivazione di cannabis.  

«In questi mesi abbiamo seguito con attenzione i lavori della Commissione Giustizia relativamente alle proposte di legge di modifica dell’articolo 73 del Testo unico stupefacenti. Crediamo che, anche in questo momento, sia importante tenere aperto il dibattito sul tema della cannabis: perché riguarda l’economia, la salute, la possibilità di impresa, la giustizia e la lotta alle mafie. Non è un caso che solo poche settimane fa la Camera dei Rappresentanti degli Stati uniti ha approvato una proposta di legge per decriminalizzare la cannabis a livello federale.» si legge nell’appello lanciato dalla campagna Meglio Legale, che da tempo si pone come ponte tra i cittadini e le istituzioni per affrontare il tema della legalizzazione. 

A seguito dei lavori della Commissione, infatti, sono due e sono opposte le proposte di modifica dell’articolo riguardante il Testo unico stupefacenti: da una parte l’introduzione di pene di più lieve entità e per decriminalizzare la condotta della coltivazione domestica a prima firma Riccardo Magi, dall’altra quella della Lega a prima firma Riccardo Molinari che propone tutta un’altra direzione

Meglio Legale, sostenuta da oltre trenta Associazioni, ricorda come nel dicembre del 2019 le Sezioni unite della Corte di cassazione hanno stabilito che non costituisce reato la coltivazione domestica di cannabis che “per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaia destinata all’uso personale”. Un pronunciamento perfettamente in linea con gli intenti della proposta di legge Magi, che consentirebbe chi consuma di non rivolgersi alla criminalità organizzata; svuotare le carceri dalle persone che necessitano di un trattamento per la propria dipendenza; liberare forze dell’ordine e tribunali da inutili procedimenti e, soprattutto, separare il mercato delle droghe leggere da quello delle droghe pesanti, permettere anche a chi fa un uso terapeutico di potersi curare. Un tema caldo, quest’ultimo, data anche l’attenzione mediatica suscitata dal caso Walter De Benedetto: paziente affetto da artrite reumatoide che da poco ha dovuto sostenere l’udienza preliminare in un processo che lo vede indagato per coltivazione di sostanza stupefacente. Era infatti ricorso all’autoproduzione De Benedetto, dal momento che, date le carenze del Sistema Sanitario, non riusciva a reperire la terapia a base di cannabis medica per la quale aveva regolare prescrizione.  

Su questi temi si sono espressi anche molti esperti chiamati in Audizione nella Commissione, questi hanno messo in rilievo gli aspetti positivi, soprattutto in termini di lotta alla criminalità e di minore pressione sulle forze dell’ordine e sul sistema della giustizia, che deriverebbero da iniziative di decriminalizzazione della coltivazione e di introduzione di reati di lieve entità. Lo stesso Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho ha affermato che «la coltivazione ad uso personale ridurrebbe la necessità per il consumatore di droghe leggere di rivolgersi alla manovalanza criminale, togliendo alla criminalità organizzata una fetta di mercato». 

«Ci auguriamo che possa iniziare subito una discussione su un testo base che tenga conto del parere degli esperti, che dunque risulti migliorativo della proposta Magi e accantoni quella Molinari. Il recente cambio della maggioranza di Governo richiede di indicare a quali proposte legislative dare priorità, e speriamo che, soprattutto i Capigruppo, indichino il decriminalizzare la coltivazione domestica tra queste», spiega Antonella Soldocoordinatrice della campagna Meglio Legale.

Tra le associazioni firmatarie dell’appello alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati ci sono: Associazione Luca CoscioniAssociazione AntigoneForum DrogheVoltGiovani Europeisti VerdiRadicali Italiani+EuropaPartito Socialista ItalianoLa società della Ragione,  I circoli dei Giovani Democratici di: Emilia RomagnaTrentinoLatinaVicenzaCannabis for FutureSinistra Universitaria BolognaCILDA buon diritto+Europa TorinoAssociazione Enzo Tortora Radicali MilanoBisTerNonna CanapaCannabis Club BolzanoAPS CanapèRifondazione ComunistaThe Hemp ClubCannabiservice. A queste si uniscono le riviste: Canapa IndustrialeCannabis Terapeutica infoDolce VitaBeleaf MagazineSoft SecretNon solo Skunk.

Sul sito iocoltivo.eu è possibile firmare l’appello Firma al Presidente e a tutti i membri della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati.