• Home
  • Pot for shots. Regalare cannabis a chi si vaccina.

Pot for shots. Regalare cannabis a chi si vaccina.

18 Febbraio 2021 Giovanni Brajato Comments Off

Di Pierluigi Gagliardi

“Pot for Shots”, così si chiama la nuova campagna del dispensario medico in Michigan, The Greenhouse of Walled Lake, che offrirà cannabis gratuita a chiunque deciderà di vaccinarsi contro il COVID-19. “Speriamo che il vaccino sia l’inizio della fine di questa pandemia che ha avuto un tale impatto sui nostri familiari, sulle nostre comunità e sulla nostra nazione. Se scegli di vaccinarti, questo è il nostro modo di dirti grazie per aver contribuito a porre fine a questa crisi pandemica e riportarci alla normalità”.

In Michigan, la cannabis per uso ricreativo è già legale ma per ottenerla gratuitamente, i cittadini potranno recarsi nel dispensario durante tutto il mese di febbraio e presentare l’attestato di vaccinazione. Naturalmente, la campagna è indirizzata solamente per coloro che soddisfano i requisiti necessari previsti dalla legge per il consumo di cannabis in Michigan: avere almeno 21 anni e avere una tessera medica valida e non scaduta con un documento d’identità. 

L’iniziativa è stata ripresa anche dagli attivisti della cannabis D.C. Marijuana Justice (DCMJ) che hanno annunciato il loro piano, “Joints for Jabs”, per distribuire cannabis fuori dai centri di vaccinazione in tutta la città non appena possibile. La comunità di attivisti metterà in campo tutte le proprie forze per evidenziare la necessità di ulteriori riforme locali e nazionali sulla cannabis, ma allo stesso cercherà di promuovere un’equa distribuzione del vaccino, affinché nessuno venga lasciato indietro. 

Entrambe si presentano come delle vere e proprie campagne di sensibilizzazione che hanno come unico obiettivo quello di utilizzare la cannabis per aumentare la consapevolezza dell’importanza di vaccinarsi. Nel corso del 2020, abbiamo assistito a come la cannabis sia stata fondamentale per milioni di persone in tutto il mondo per superare le ansie e le paure della pandemia. Adesso sta a noi scoprire se questa pianta potrà rivelarci altri benefici, anche se indirettamente, e farci tornare al più presto alla normalità